Esegui una ricerca

Informativa privacy

Microsonda rivoluzionaria per diagnosticare i tumori

Minnie Luongo, N. 6/7 giugno/luglio 2007

La diagnosi è fondamentale quando si parla di tumori. Ma per una diagnosi precoce ed efficace al tempo stesso bisogna disporre degli strumenti adatti. Per questo è più che benvenuta una rivoluzionaria microsonda, presentata in occasione di un convegno incentrato sui progressi dell’endoscopia, nell’ambito di “MilanoCheckUp”, la manifestazione professionale di Fiera Milano dedicata alla Sanità tenutasi nei primi giorni del mese di giugno.

La nuova strumentazione
Davvero incredibili le caratteristiche di questa nuova apparecchiatura. Frutto della tecnologia Olympus, la microscopica sonda permette di ingrandire le immagini delle singole cellule e strutture anatomiche di ben 450 volte rispetto alla tradizionale endoscopia. Il suo nome è EndoCytoscopy System (ECS), ed è in grado di penetrare nei tessuti per osservare la possibile insorgenza di polipi e tumori.
Con questa avanzata tecnologia, che da alcuni mesi è a disposizione del Dipartimento di Tecnologie Diagnostiche dell’Istituto nazionale per la ricerca sul Cancro di Genova (grazie alla collaborazione con la Olympus di Tokyo) è possibile ingrandire immagini di cellule e strutture anatomiche di 450 volte, mentre la tradizionale endoscopia può arrivare al massimo ad ingrandire 150 volte, mediante apposita strumentazione dotata di zoom.
Per quanto riguarda il suo funzionamento, è molto semplice: si utilizza il tradizionale apparecchio per le endoscopie, al cui interno viene introdotta la nuova sonda per osservare il tessuto circostante; i tempi della procedura endoscopica si allungano di soli 15 minuti in confronto a quelli della normale endoscopia, che variano in funzione dell’indagine (in media, da 5 minuti per la gastroscopia a 20-30 minuti per la colonscopia).

I vantaggi di ECS
Per i pazienti i vantaggi sono notevoli. In primo luogo, questo nuovo strumento consente di localizzare il tumore a livello embrionale, così da poter agire tempestivamente. È bene sottolineare, come ricordano gli specialisti, che la nuova sonda non sostituisce gli attuali strumenti endoscopici, ma è in grado di offrire maggiori e preziosi dettagli al medico che, in base ai risultati presentati, può decidere se agire con terapie diverse, oppure operare il paziente.
Al momento lo strumento è usato nella sua fase preclinica. Sono soltanto una decina gli esemplari prodotti, due dei quali in Italia: uno a Genova e uno a Torre del Greco (Napoli). L’ospedale ligure ha acquisito ECS nel luglio dello scorso anno e ha cominciato subito una sperimentazione con finalità di ricerca in campo oncologico: in particolare, sulla mucosa esofagea, gastrica, duodenale e intestinale. «Finora abbiamo studiato 25 casi - illustra il dottor Emanuele Meroni, del Dipartimento di Tecnologie Diagnostiche dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova – e ci stiamo muovendo a 360 gradi, allo scopo di costruire un archivio di immagini utili a diagnosticare i tumori e le neoplasie, che con questo strumento possono essere rilevate in una fase precocissima».

Società scientifiche FISM a fianco di MilanoCheckup
Vastissimo il programma del Convegno specialistico che ha fatto parte del programma convegnistico di “MilanoCheckUp”: circa una settantina gli appuntamenti che si sono avvicendati durante i quattro giorni della mostra milanese. Di questi ben 14 sono stati gli appuntamenti curati dalla FISM, Federazione Italiana Società Medico-Scientifiche, che ha siglato un accordo triennale in base al quale le associazioni nazionali aderenti (fra cui radiologia, cardiologia, ortopedia e oncologia) promuoveranno attivamente la manifestazione nei rispettivi ambiti professionali. «L’accordo – spiega Pasquale Spinelli, Presidente FISM – prevede infatti la programmazione e realizzazione di una serie di eventi multidisciplinari ad alto contenuto scientifico e con rilevanti risvolti sociali, dedicati a diverse tematiche di particolare interesse e attualità quali la cardiologia, la radiologia, l’oncologia, l’ortopedia. Ma anche: la sicurezza negli ospedali, il Risk Management, l’Health Technology Assessment, la nutrizione, l’etica nella ricerca scientifica, la formazione medica e il ruolo delle società medico-scientifiche nella società contemporanea».
In sintesi, Fiera Milano Tech, società del Gruppo Fiera Milano, e FISM, Federazione delle Società Medico-Scientifiche Italiane, hanno sottoscritto un accordo triennale di partnership strategica per promuovere MilanoCheckUp – Medical Science Expo – la nuova rassegna rivolta alle imprese, agli operatori professionali e alla comunità medico-scientifica e sanitaria, che si è svolta dal 6 al 9 giugno 2007 a “Fieramilano” (a Rho, per la precisione).
Aggiunge il professor Spinelli: «FISM intende contribuire a coinvolgere a MilanoCheckUp operatori del settore, in particolare decision maker della domanda e dell’offerta di salute tramite, ad esempio, azioni mirate di sensibilizzazione verso Società e Associazioni Medico Scientifiche, istituzioni e molteplici interlocutori e organismi dell’associazionismo professionale». «E MilanoCheckUp – conclude Bruno Boffo, amministratore delegato di Fiera Milano Tech, società del gruppo Fiera Milano che cura la manifestazione - si propone come un’occasione unica di aggiornamento tecnologico-scientifico e culturale, grazie ad eventi congressuali e a un’esposizione articolata delle più avanzate tecnologie, delle soluzioni e dei prodotti disponibili per il comparto medico-sanitario».
E non a caso, come prima novità in ambito medico scientifico frutto dell’accordo tra Fiera Milano Tech e Fism, presentata a MilanoCheckUp in occasione del Convegno dedicato ai progressi dell’endoscopia, è stata scelta proprio la microscopica sonda diagnostica EndoCytoscopy System.

Informazioni utili
FISM, Federazione delle Società Medico - Scientifiche Italiane
La Federazione, presieduta da Pasquale Spinelli, intende:

  • favorire gli scambi scientifico-culturali tra Società Medico – Scientifiche mediante la promozione e la realizzazione di tutte le attività relative alla formazione medica, con particolare riguardo alla didattica finalizzata al miglioramento della professionalità dei medici;
  • favorire la formazione medica e le attività di ricerca attraverso il coordinamento di programmi di ricerca d’interesse nazionale e regionale;
  • salvaguardare i principi etici e deontologici delle Società Medico - Scientifiche, favorendo la conoscenza della deontologia professionale e prendendo le difese della categoria nei confronti di informazioni scorrette, veicolate a mezzo stampa o attraverso strumenti di diffusione televisiva o multimediale;
  • partecipare in forma attiva alla programmazione sanitaria nazionale e regionale, adoperandosi per ottenere il riconoscimento del ruolo delle Società Medico - Scientifiche in tutti i campi, ed in particolare per la formazione continua dei medici;
  • divulgare le conoscenze scientifiche consolidate, utilizzando tutti i mezzi disponibili, compreso il sito internet che deve diventare un punto di riferimento per la corretta e rapida informazione per le evidenze scientifiche;
  • definire criteri comuni per l’accreditamento delle Società Medico - Scientifiche in seno alla FISM;
  • realizzare l’integrazione delle attività e dei sistemi di certificazione delle Società Medico - Scientifiche aderenti, in base a criteri internazionalmente condivisi, nell’intento di contribuire alla definizione di un criterio comune di riconoscimento dei crediti formativi (pur nel rispetto delle singole legislazioni nazionali);
  • armonizzare le Società Medico - Scientifiche secondo criteri di disciplina, d’area di interesse o per obiettivi esplicitati, realizzando un coordinamento delle attività delle Società Medico - Scientifiche selezionate, conformemente a quanto previsto nello statuto;
  • definire appositi programmi o convenzioni che tendano a facilitare in modo efficace ed efficiente la comunicazione tra gli iscritti delle Società Medico – Scientifiche aderenti;
  • favorire l’educazione sanitaria della popolazione mediante la proposizione di momenti educazionali rivolti ai cittadini.

Tel. +39 (02) 54.12.10.92 / Fax. +39 (02) 54.05.01.68
E-mail: segreteria@fism.it
Web Site: www.fism.it

Torna ai risultati della ricerca